L’articolo 1, comma 118, della Legge n. 190/2014 (Legge di Stabilità 2015) ha previsto, per i datori di lavoro che effettuano nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato, nel periodo 1.1.2015 – 31.12.2015, l’esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico, per un massimo di 36 mesi, a condizione che i lavoratori non abbiano avuto nei sei mesi precedenti altri rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Il Ministero del Lavoro, al fine di controllare la reale sussistenza delle condizioni per fruire del suddetto beneficio e contrastare comportamenti elusivi, già dallo scorso mese di giugno, ha avviato specifiche azioni ispettive volte a contrastare tali comportamenti. Ad oggi, il Ministero, con comunicato stampa del 30 settembre c.a., informa che provvederà a rafforzare le attività ispettive, in collaborazione con l’Inps, per identificare i casi di precostituzione irregolare delle condizioni per beneficiare dell’esonero contributivo triennale.

 

Jobs Act: assunzioni a tempo indeterminato; Ministero del Lavoro, in collaborazione con INPS si rafforzano le attività ispettive per identificare i casi di precostituzione irregolare delle condizioni per beneficiare della decontribuzione previdenziale